La riforma del lavoro? Passa per il ripristino della 188

“Una buona riforma del lavoro? Quella che ripristinerà regole chiare contro le dimissioni in bianco”. Alla vigilia della giornata nazionale di mobilitazione promossa per domani per il ripristino della legge 188, è questa l’indicazione che dà il Partito Democratico del Veneto, attraverso la Portavoce regionale delle Donne democratiche Raffaella Salmaso.

“L’attualità degli ultimi giorni – ricorda la Salmaso – con il caso dei contratti Rai in cui si prevede la possibilità di interrompere il rapporto di lavoro in caso di gravidanza, conferma l’urgenza di approvare e far applicare norme chiare e precise contro la discriminazione delle donne nei luoghi di lavoro. Un passaggio fondamentale in questo senso è il pieno ripristino di quanto previsto dalla legge 188 per contrastare l’indecente pratica delle dimissioni in bianco. Su questo peraltro il Ministro Elsa Fornero aveva già manifestato il suo impegno”.

“La giornata del 23 febbraio – aggiunge la Portavoce delle Donne democratiche – vedrà impegnato in tutte le province italiane un vasto schieramento di forze: le Donne Democratiche, il movimento Se non ora quando, e le forze sindacali. In Veneto il Partito Democratico partecipa a questa giornata di sensibilizzazione con iniziative e banchetti nelle piazze delle principali città della regione. Il motivo della nostra mobilitazione è chiaro. In questi mesi Governo e parti sociali discutono un nuovo assetto del mercato del lavoro. Se vogliamo che l’Italia faccia un passo verso regole più europee, la difesa dei diritti delle donne contro forme di discriminazione odiose come le dimissioni in bianco è un obiettivo irrinunciabile”.

 

Nel corso della giornata, in tutti i capoluoghi di provincia verrà consegnato alla Prefettura un documento elaborato in questi giorni nel mondo femminile.

LETTERA PREFETTURE.doc
Documento Microsoft Word 21.5 KB